Che poi a pensarci bene triste è che i giovani e più giovani leggono meno, analizzano meno, sono capaci di minore critica e interpretazione dei testi, come Carofiglio e Serra in modo differente, evidenziano. Allo stesso tempo, se le famiglie possono qualcosa, non abbiamo modelli ed esempi esaltanti, soprattutto nel mondo adulto. Girovagare nella Rete, strada prediletta dai giovani, li costringe a imbattersi in coetanei stralunati e spaesati, perplessi, che vorrebbero solo divertirsi o trovare curiosità, sedarla e colmarla. Giovani come loro senza alcuna pretesa, se non quella di scoprire e cercare di capire. Invece, si riconoscono inermi spettatori delle reazioni compulsive e feroci di cattivi maestri, adulti, che si prodigano in invettive e sgranano insulti politici, odio razziale, rivendicano strampalate origini e idee di nazione che non esistono più, se non come tradizione e amore per la propria terra. Che non significa opporle come stendardo da battaglia in nome di epurazioni culturali, rivendicare la propria maggioranza politica per inculcare nell’elettorato sovranismo, isolazionismo politico e proibizionismo. Il controllo attraverso la coercizione: questo fanno. E ai giovani cosa interessa? Li disgusta. Questa non è politica, se non cattiva e distorta, pericolosa approssimazione a regimi opachi e ambigui. Quest’ultima cattiva politica ha sdoganato la possibilità di dire e fare qualsiasi cosa in Rete, salvo poi prendersela con la stampa e con chi quella stessa rete la utilizza per irretire le idiozie e i bluff raccontati. Quindi, ancora, il giovane si sta chiedendo quanto la Rete e il suo utilizzo siano sinonimo di democrazia. Molti si sono già stancati di domandarsi.
La Rete è sì piazza virtuale e potente, che influenza nonostante tutto, vedi Cambridge Analityca e la multa a Facebook, gli algoritmi e tutto quanto è ormai stranoto, vedi le piattaforme molteplici attraverso le quali si sdoganano segreti e si compiono scoop, come gli audio pubblicati nei siti americani on line, che posso creare scandali di Stato. Nella Rete c’è tutto, per questo postare ciò che è personale, che riconduce direttamente alla propria quotidianità è sempre troppo pericoloso, anche quando apparentemente innocuo. Chi si occupa di comunicazione posta notizie, agenzie più o meno corroborate da fonti, cerca di evitare fake news, almeno dovrebbe, e si limita a segnalare notizie che potrebbero essere di una qualche utilità e invogliare a un qualche approfondimento. La Rete auto celebrativa, dei like e degli emoticon, delle visualizzazioni, anche basta. Allora sì, come mi suggerisce qualcuno, forse per sottrarci a tutto questo meccanismo sadico e cinico, illiberale e perverso, ci restano solo l’arma di boicottarla e abbandonarla, la Rete, oppure di starci, ma poco e in modo molto ponderato, calibrando le parole, i secondi, le espressioni usate, dosando tutto, rendendoci inappuntabili e inattaccabili. Radicando e innestando le nostre idee, radicali, senza timore e anzi rivendicandole continuamente e apertamente, senza scadere però nella loro modalità sgangherata e voyeuristica.
Quella che include e induce il giovane navigante all’espulsione e al bannare l’interlocutore che vive solo in Rete e non possiede più un’anima propria, un segreto, qualcosa di personale che non sia già stato detto, urlato, sfogato. Ecco perché un giovane oggi mi dice “boicottare”. E secondo me, ha parecchia ragione.

25stilelibero